pregiudizio

Cultura

Gay effeminati e lesbiche mascoline: orgoglio o vergogna Lgbt+?

I gay meno virili e le lesbiche poco femminili sono da sempre le vittime preferite degli omofobi proprio perché visibilmente non eterosessuali, ma sono anche un fastidio per gli omosessuali che soffrono di omofobia interiorizzata. Perché quando “si vede che è gay!” riconoscono nell’altro ciò che a loro è stato proibito: essere visibili.  Tranne (forse) i millennials, chiunque sia nato non eterosessuale ha sicuramente sentito più e più volte durante l’infanzia e l’adolescenza frasi come: “Non piangere, solo le femminucce piangono!” “Non puoi essere un po’ più femminile? Sembri un maschiaccio. E non è un complimento.” “Pallavolo non è uno sport […]

Leggi tutto
Attualità

Omofobia: da dove nasce?

“Se nasci maschio e non fai il maschio, non vai bene” e altre perle assurde che rovinano intere esistenze. L’omofobia è questo: la folle convinzione di avere il diritto di svalutare chi non rientra nello schema (malato) maschilista e patriarcale. Siamo figli di una società di stampo maschilista e patriarcale dove, se nasci maschio, devi fare il maschio e comportarti come tale, altrimenti sei come le femmine, quindi inferiore. Con ogni probabilità, chiunque sia nato prima del 2000 troverà queste parole oltremodo disturbanti ma non poco familiari. Rappresentano la mentalità con cui molti di noi sono cresciuti, soprattutto in provincia. Quella […]

Leggi tutto