fbpx

Parlamento UE: Matrimoni e adozioni LGBT+ siano riconosciuti in tutta Europa. Lega e FdI votano contro

Matrimoni e adozioni gay (LGBT+) devono essere riconosciuti in tutta Europa. Questa è quanto ha richiesto l’europarlamento ai 27 Stati membri.

Adozione per coppie omosessuali: arriva il sì dalla Cassazione | Salvis Juribus

“tutti i Paesi Ue sono tenuti a riconoscere come genitori legali gli adulti menzionati nel certificato di nascita di un bambino. Più in generale, le famiglie arcobaleno dovrebbero disporre dello stesso diritto al ricongiungimento familiare delle coppie di sesso opposto e delle loro famiglie. E, per garantire che i bambini non diventino apolidi quando le loro famiglie si spostano tra Stati membri, le famiglie dovrebbero essere trattate allo stesso modo in tutta l’Ue”

Ecco cosa ha chiesto il Parlamento europeo in una risoluzione approvata a Strasburgo. Secondo il trattato dovrebbero quindi essere riconosciute sia le adozioni da parte di coppie dello stesso sesso, sia le unioni civili arcobaleno.

Il testo è passato con 387 voti favorevoli, 161 contrari e 123 astensioni. La Lega di Matteo Salvini e Fratelli d’Italia hanno votato compatti contro la risoluzione. Mentre tra le fila del Ppe, di cui fa parte Forza Italia, si contano due voti a favore (l’ex 5 stelle Adinolfi e Dorfmann) e due astenuti (l’ex leghista Caroppo e Martusciello).

Matrimoni e adozioni gay: La situazione in Italia

Adozione a due padri gay all'estero: com'è avvenuto il riconoscimento in ItaliaLe Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con l’innovativa sentenza n. 9006/2021 pubblicata il 31 marzo 2021, hanno autorizzato la trascrizione nel registro di Stato Civile del provvedimento dell’autorità straniera che ha disposto l’adozione di un minore da parte di una coppia omosessuale, riconoscendo e formalizzando pertanto la coppia genitoriale del minore anche se dello stesso sesso.

La Legge n. 184 del 1983 all’articolo 6, prevede che l’adozione piena è consentita solo ai coniugi uniti in matrimonio, che nell’ordinamento italiano è consentito solo a persone di sesso diverso. Nuovi diritti sono stati riconosciuti alle coppie omosessuali con la Legge del 20 maggio 2016 n. 76 (c.d. Legge Cirinnà), che ha istituito le unioni civili omosessuali equiparandole al matrimonio, escludendo tuttavia l’applicazione delle disposizioni contenute nella legge n. 184/1983 sull’adozione.