fbpx

Pride Month e come festeggiare alla grande il Mese del Pride

Il Pride Month è un mese attesissimo da tutta la comunità lgbtq+. In questo periodo, molte aziende, aderiscono al tema “Pride” facendo spuntare ovunque bandiere arcobaleno. Come si può quindi festeggiare alla grande questo evento, non solo partecipando alle parate? Leggendo, guardando e “masticando” Pride ovviamente. Restate con me e vi mostrerò libri, film, giochi e tanto altro per divertirvi al massimo durante questo splendido mese.

Ecco alcune migliori trovate per festeggiare il Pride Month

Top libri che devi assolutamente leggere

  • Questo è un Libro Gay e Questo è un libro Trans – Juno Dawson: sono libri “guida” che la scrittrice ha realizzato dopo un lungo periodo come insegnante, durante il quale ha raccolto diverse domande da parte dei suoi studenti;
  • Camere separate- Pier Vittoro Tondelli: Il romanzo è un lungo flashback che esplora la vita e la psicologia di due uomini innamorati ma profondamente infelici, che, forse, non riconoscono il grande amore finché esso non è per sempre perduto;
  • Chiamami col tuo nome – André Aciman: Il romanzo racconta l’educazione sentimentale del giovane Elio che, con la sua famiglia, trascorre l’estate in campagna. Qui conoscerà un giovane studente, con il quale scoprirà l’amore e la sessualità, esplorando anche l’accettazione di sé stessi e la consapevolezza della propria essenza. Su Netflix e Amazon Prime potete trovare l’omonimo film.

Amazon.it: Questo libro è gay - Dawson, Juno, Gerrell, Spike, Sotgiu, Marco - Libri

Pride Month: I Top 5 Film che devi assolutamente vedere

Stonewall - Film (2015) - MYmovies.it

 

  • Orange is the new Black: Disponibile su Netflix è un Cult di 7 stagioni (dal 2013 al 2019) che esplora la fluidità sessuale, attraverso una vicenda corale ambientata in un carcere femminile. Vi finisce Piper, condannata per riciclaggio di denaro sporco. Credeva di aver costruito la vita perfetta con il fidanzato nell’alta borghesia newyorchese: dietro le sbarre invece, ritroverà la sua ex compagna, Alex. E tante altre donne, ognuna con la sua storia.
  • Lawrence Anyways: Il protagonista del titolo confessa alla propria compagnia di sentirsi una donna nel corpo di un uomo, e di voler intraprendere il percorso di transizione per diventare finalmente se stesso. Il film mostra in modo chiaro questo percorso, dall’iniziale vestirsi da donna, all’affrontare genitori e conoscenti, il pregiudizio e le difficoltà.
  • Stonewall: film del 2015 che ha ricostruito le proteste della cominunità gay di New York contro le angherie e i soprusi della polizia, partite dal locale Stonewall Inn.
  • Pride: il film segue le vicende di un gruppo di attivisti che decidono di raccogliere soldi a sostegno dello sciopero indetto dai minatori gallesi, oppressi dalle scelte politiche di Margaret Thatcher.
  • Moonlight: Il protagonista, Chiron, ci permette di vivere la storia di un giovane omosessuale, nero e povero in un modo a cui il cinema americano non ci ha abituato molto spesso: senza pietismo e senza pesantezza. L’occhio dello spettatore è quello di un puro osservatore, che può così concentrarsi su un personaggio emarginato per tanti motivi diversi e compresenti.

Top 5 giochi e videogiochi influenzati dal tema Pride:

pride month

  • Homonopolis o Gay Monopoly: quasi introvabile è una versione gay del famosissimo Monopoly. Venduto su Ebay alla “modesta” cifra 140 euro e 15,99 euro di spedizione.
  • Lobbies: è un gioco da tavolo che mira all’inclusività e alla consapevolezza e che, seppur diversi, possiamo collaborare per degli obiettivi comuni, mantenendo comunque la nostra identità, ma è anche un gioco che strappa un sorriso grazie alla sua ironia, curatissima nei dettagli, che prende in giro tutti i luoghi comuni della comunità arcobaleno, dalla passione per il puttanpop all’utilizzo dei social.
  • Uno: ebbene sì! Quest’anno il famosissimo gioco si tinge di arcobaleno sul retro delle sue carte.
  • Lego Lgbt: “Everyone is awesome”
  • Pride Run: Trattasi di un videogioco strategico musicale in tempo reale, con una forte connotazione estetica in pixel art. Giocando di livello in livello si ripercorrono le tappe principali del Gay Pride, dalla Stonewall del ’69 fino alla battaglia finale che vede come boss niente di meno che il Presidente Trump.

Top 5 brand diventati arcobalenosi

  • capsule collection di Shein
  • Converse Chunk
  • Beyond the Rainbow H&M
  • Levi’s “All pronouns. All love”
  • collezione arcobaleno di “Vans”

pride month

Quindi tutto pronto? Siete armati di bandiere? pronti con i popcorn? Detto ciò: Buon Pride a tutt*!

 

Raph

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *