fbpx

Coming Out degli attori in Germania con l’iniziativa ‘ActOut’: le loro parole

Non 1, non 2, bensì 185 attori in Germania hanno deciso di fare insieme Coming Out dando la nascita all’iniziativa ‘ActOut‘. Secondo i protagonisti, questo gesto, aiuterebbe ad abbattere il muro della discriminazione e ad avere la massima visibilità. Vediamo cosa hanno detto:

“Siamo qui e siamo in tanti! Siamo attori che si identificano come lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer o persone non binarie.

Fino ad ora, non siamo stati in grado di essere aperti sulla nostra vita privata senza temere conseguenze professionali. Troppo spesso, molti di noi sono stati avvertiti – sia da manager, agenti di casting, colleghi, produttori, editori, registi, ecc. – di tacere sui nostri orientamenti sessuali e identità di genere per evitare di mettere a repentaglio le nostre carriere. Stiamo mettendo fine a tutto questo – una volta per tutte! Abbiamo deciso di unirci in una dichiarazione pubblica per ottenere visibilità e cambiare le cose.

Alcuni di noi sono attori che hanno coraggiosamente rischiato di farlo da soli in passato. Altri lo stanno facendo adesso. In diversi sono cresciuti quando l’omosessualità era ancora illegale e altri ancora sono anche ben più giovani di Elliot Page. Siamo cresciuti in villaggi e qualcuno nelle grandi città, siamo persone di colore, persone con esperienze da immigrati e persone con disabilità. Non siamo un gruppo omogeneo.

Fino ad ora ci è stato detto che se avessimo rivelato alcuni aspetti della nostra identità, vale a dire le nostre identità sessuali e di genere, avremmo perso improvvisamente la capacità di recitare alcuni personaggi. Come se la conoscenza di chi siamo nelle nostre vite private in qualche modo invalidasse la nostra capacità di incarnare in modo convincente i ruoli per il pubblico. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Interpretiamo mogli e padri, amanti e politici, eroi e cattivi. E abbastanza spesso, personaggi con cui non andremmo mai d’accordo. Ecco perché possiamo interpretare gli assassini senza aver tolto la vita a nessuno. Possiamo salvare vite senza aver studiato medicina. Possiamo interpretare persone con identità sessuali diverse da quelle che viviamo. E, a proposito, questo è qualcosa che abbiamo fatto per molto tempo.

Per questo abbiamo deciso di uscire allo scoperto insieme, unendo le forse vogliamo dare vita al cambiamento. La nostra società è pronta da tempo. Gli spettatori sono pronti. La nostra industria dovrebbe essere sinonimo di solidarietà e riflettere la società in tutta la sua diversità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *