fbpx

Bacio gay in spiaggia: cacciati dallo stabilimento

bacio gay in spiaggia cacciati dallo stabilimento: coppia gay uomini si tengono per mano al tramonto

Ancora una storia di omofobia per un bacio gay in spiaggia: cacciati dallo stabilimento due uomini in provincia di Pisa. Siamo alle (tristi) solite, ma è sempre più anacronistico che lo siano. I due fidanzati hanno dovuto lasciare lo stabilimento balneare a sera, ufficialmente “perché stava chiudendo”. Inutile dire, però, che per altri bagnanti non è stato necessario rispettare tale ordine.

Come se non bastasse, poi, alla richiesta di spiegazioni, la titolare avrebbe risposto che “certi atteggiamenti davanti ai bambini non vanno bene”. Gli “atteggiamenti” in questione si riferivano inequivocabilmente a un bacio scambiatosi dalla coppia. Letteralmente all’indomani della tragedia in cui un uomo ammazzato a mani nude è stato ripreso ma non aiutato, due ragazzi che si baciano in spiaggia sono ritenuti pericolosi per i bambini. Gli stessi bambini che imparano dagli adulti l’aberrante omertà, non possono imparare l’amore, quando questo coinvolge due uomini. Questo caso non ci parla solo di posizioni circa il mondo lgbtqia+, ma di umanità.

Si scambiano un bacio gay in spiaggia: fidanzati cacciati dallo stabilimento

bacio gay in spiaggia: cacciati dallo stabilimento due uomini gay seduti in spiaggia amoreAntonio Mazzeo, presidente del consiglio regionale della Toscana, commenta che “In Toscana non deve esistere spazio per l’omofobia. La traiettoria che sta prendendo il nostro Paese è preoccupante, va fermata il prima possibile.” Questi casi niente affatto isolati fanno infatti pensare che la tendenza sia all’odio, alla violenza, alla repressione.

Chi si può davvero permettere di giudicare quando un gesto di affetto diventa troppo? Questo diritto che ognuno si arroga con tanta semplicità è un cardine su cui bisognerebbe lavorare. Un paese che continua a definirsi libero e civile è lo stesso che condanna un bacio gay in spiaggia: questa volta cacciati dallo stabilimento sono stati due uomini, ma episodi del genere sono in allarmante aumento.

In questo solo mese, infatti, la stessa dinamica si era già verificata tanto sul medesimo litorale toscano, quanto in costiera Amalfitana. In tutti questi casi, le riprovevoli effusioni condannate sono tutte entro i limiti della decenza – come le coppie etero, che invece non hanno mai di questi problemi –.

La condanna di questo tipo di dimostrazioni d’affetto ha varie modalità di manifestarsi. Talvolta si ricevono occhiatacce, altre volte commenti deliberatamente offensivi, per non parlare dei casi di aggressioni. Tutto, perché non si riesce a educare alla libertà e al rispetto altrui, dote tanto ostentata, quanto millantata, visto che è ancora necessario commentare episodi del genere.

 

Fonte: today.it

2 thoughts on “Bacio gay in spiaggia: cacciati dallo stabilimento

  1. Sembra proprio che la mentalità media italiana sia sempre più oscurantista e anacronistica. Tutto questo è a volte avvilente.
    Se non fossi già vecchio, me ne andrei a vivere in un altro Paese europeo. Non mi basta affatto che l’Italia, in virtù del suo patrimonio artistico e naturale sia definita – con la solita retorica supponenza – il Paese delle meraviglie, quando non è ancora nell’Europa di oggi il Paese dei diritti fondamentali dell’individuo.
    Quanto è poi odioso e ipocrita la supposta innocenza infantile da salvaguardare dai pericoli costituiti per la lo crescita equilibrata dall’essere testimoni di manifestazioni affettive tra individui dello stesso sesso che si amano. A danneggiare la crescita di un bambino non è mai la visione di espressioni affettive, bensì quella di atti violenti.

    1. Caro Massimo, condivido in pieno le tue parole. Purtroppo il nostro paese continua a volersi sostenere, come dici tu, “con la solita retorica supponenza”, sulle sue tante bellezze ma anche sui suoi tanti cliché. La chiave di volta sarebbe educare tutti al rispetto reciproco e al valore della Libertà non solo come stendardo di qualche vacua promessa, ma come guida su cui basare la crescita di tutti gli individui, in ogni tempo.
      Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.