fbpx

Tdor: che cos’è la giornata della memoria transgender

Il 20 novembre si celebra il TDOR, la Giornata della memoria Transgender (Transgender Day of Remembrance in inglese), in memoria di tutte le persone trans e non-binary vittime di crimini d’odio.

Chi sono le persone trans?

Transgender Day of Remembrance (TDOR) in St. Pete, FloridaFino agli anni ’90 il termine transgender veniva riferito per lo più alle persone transessuali, le quali modificano i propri caratteri sessuali con la terapia ormonale e uno o più interventi chirurgici. Oggi, invece, si definiscono tali tutte le persone la cui identità di genere non collima con il sesso di nascita.

Fino a poco tempo fa si trovava questa definizione anche alla voce “disturbo dell’identità di genere” del Dsm (manuale diagnostico dei disturbi mentali): sentirsi fuori posto nel corpo “naturale” (gonadi comprese) era considerato una malattia e come tale veniva trattata.

Dal 2018 quello stesso testo parla di “disforia di genere” che dal capitolo dei disturbi mentali è stata derubricata al capitolo dei disturbi sessuali.

Perché il TDOR (Giornata della memoria Transgender) si celebra proprio il 20 novembre?

La data è simbolica. L’evento, celebrato in circa 20 Stati, venne introdotto in quella data da Gwendolyn Ann Smith in ricordo di Rita Hester.

La ragazza trangender venne uccisa il 28 Novembre del 1998 a coltellate nel proprio appartamento ad Allston (quartiere di Boston). I poliziotti trovarono Rita già in arresto cardiaco, pugnalata più volte, e a nulla servì la corsa verso l’ospedale Beth Israel Deaconess Hospital.

Quando i giornali cominciarono a parlare dell’omicidio di Rita, fecero molto arrabbiare la madre, la sorella, il fratello e gli amici della donna poiché parlarono di lei al maschile. Per loro, infatti, Rita era solo una seconda identità e non la sua vera identità. Cancellarono Rita come fu cancellata dai suoi assassini, la uccisero una seconda volta. Probabilmente fu uccisa da conoscenti. Pare, infatti, che la serratura della porta non sia stata forzata e non mancasse nulla nell’appartamento. Uccisa per odio perché la transfobia è fatta solo di odio e d’ignoranza.

 

Raph

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *