fbpx

Russia: chiude la Fondazione Sphere, danno al Russian LGBT Network

Un movimento sostenitore d’iniziative ed attivisti LGBTQIA+ in Russia è in pericolo: il 21 Aprile un giudice di San Pietroburgo ha deciso di far chiudere la Fondazione caritatevole Sphere, per la quale lavora il Russian LGBT Network. Da oltre 15 anni il Russian LGBT Network ha fornito aiuti psicologici e legali per tutti i membri LGBTQIA+ del paese; senza il suo lavoro, non ci sarebbe stato un passo in avanti per la lotta contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia nella società russa.

Gli attacchi al movimento Russian LGBT Network

Dal Novembre 2021, il Russian LGBT Network è stato preso di mira da minacce, provocazioni e campagne di diffamazione: per esempio l’azione legale contro la Fondazione caritatevole Sphere, centro di gran parte del loro lavoro. Secondo il Ministero della Giustizia russo, l’ente andrebbe contro le “basi morali della Federazione Russa”, “agendo in violazione della Costituzione del paese”. Le azioni del movimento, quindi, andrebbero contro i valori tradizionali russi.

La politica spinta dal Cremlino avrebbe già portato alla chiusura di un vasto numero di centri di ricerca, organizzazioni per l’HIV, progetti legali e giornalistici, ONG che assistono le vittime di violenza domestica ed i sopravvissuti alle repressioni statali. La decisione presa dal giudice di San Pietroburgo non solo potrebbe portare alla fine di tutto il lavoro portato avanti dal movimento, ma lascerebbe senza sostegno molte persone; un chiaro segnale delle autorità russe che qualsiasi attivismo LGBTQIA+ è tabù.

La dichiarazione del team di Sphere alla chiusura

Il team della Sphere avrebbe confermato di continuare a fornire assistenza legale, psicologica e di emergenza alla comunità LGBTQIA+, facendo il possibile per assicurare il tutto senza interruzioni alcune, indipendentemente dalla situazione legale.

Come sostenere il Russian LGBT Network?

Più di 30.000 firme sono state raccolte tramite una petizione ospitata da All Out, un’organizzazione no profit che lotta e lavora a stretto contatto con organizzazioni ed attivisti; è ancora attiva, e necessita di 50.000 firme. Vi chiedo quindi di fermare immediatamente la persecuzione contro la Fondazione Sphere e del Russian LGBT Network con una semplice firma.

Aggiungi il tuo nome e unisciti a loro nella lotta per i diritti LGBT+!

 

Leggi anche: Il DDL Omotransfobia torna in Senato: una seconda possibilità?

 

Aeden Russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.