fbpx

L’Italia è un paese transfobico

DDL omotransfobia - a marzo 2020 la discussione

Quando si tratta di omofobia sento sempre la classica frase “Siamo tutti uguali. Abbiamo tutti gli stessi diritti e l’omotransfobia non esiste”. Tutti uguali dove? Siamo tutti uguali e abbiamo tutti gli stessi diritti quando vi pare e piace. Io non mi sento per niente uguale. E no, non abbiamo gli stessi diritti. Non mi sembra proprio. Non si può negare l’evidenza, questo lo sappiamo bene. Eppure, qui in Italia, molti sembrano i maghi nel farlo.

Ora ditemi che l’omofobia non esiste: Ecco un po’ di aggressioni denunciate

 

Questi sono solo alcuni episodi di omotransfobia di cui siamo a conoscenza. Tanti le violenze non denunciate

Questi sono solo alcuni episodi noti alla cronaca. Tutti hanno in comune un fattore: essere stati picchiati solo perché gay. Eppure ci è stata negata, e non solo una volta, una legge contro l’omotransfobia. Ancora risuonano nella mia testa gli applausi e le risa del Senato, quando il ddl omotransfobia non è passato ed è stato poi affossato. Cosa c’era da festeggiare ? Ditelo a tutte queste vittime che l’omofobia, la transfobia e l’omotransfobia non esiste.

Ditelo a chi ha paura di uscire. A chi è discriminato sul lavoro e a chi soffre solo per volere profondamente essere sé stesso. Provateci una sola dannata volta a negare l’evidenza guardandoli in faccia e sentendo seriamente la sofferenza che si prova a sentirsi “diversi”. Perché il paese non capisce e non prova nemmeno a capire. Non sto parlando di tutela “solo” quando si viene aggrediti, ma di una vera e propria possibilità, per ognuno, di sentirsi libero e al sicuro.

 

 

Raph