fbpx

Coppia. Meglio aperta, chiusa o “permeabile”?

Esistono coppie aperte felici e coppie chiuse infelici. E viceversa. Non esiste una migliore dell’altra. Esiste quello che meglio fa stare noi e la nostra coppia. Anche la “permeabilità”.

Se entrambi siamo stufi del sesso io e te, tu e io, io e te, tu e io, se non ci interessa rispettare un certo tipo di relazione “tradizionale”, allora prendere in considerazione di aprire la coppia, o di renderla “permeabile”, è di certo un’opzione valida. 

Se pur aprendo la coppia scopriamo che tra noi due c’è comunque qualcosa che non va, allora il problema è di tutt’altra natura. Se invece scopriamo che aprendo la coppia entrambi semplicemente soddisfiamo fantasie che io e te da soli non potremmo soddisfare, se ne parliamo a cuore aperto e siamo entrambi d’accordo, ben vengano permeabilità e apertura . Se invece ci sentiamo più a nostro agio mantenendo la relazione chiusa (preferibilmente non solo a chiacchiere ma anche nei fatti) non dovremmo puntare il dito contro chi sceglie diversamente. 

Ma cosa intendiamo per coppia aperta, chiusa o permeabile?

In linea di massima chiamiamo aperte quelle coppie dove, oltre al sesso tradizionale a due, ciascuno fa sesso per i fatti suoi. Non si tratta di corna, perché ambo i partner sono consapevoli e d’accordo che l’altro, da solo, faccia sesso con altri indipendentemente dalla relazione. Queste coppie sono in genere viste come moralmente deprecabili, disfunzionali o per niente innamorate. In verità, esistono coppie aperte estremamente felici, funzionali e innamorate perché di base la sincerità alimenta il sentimento amoroso. I due partner si sentono liberi di non reprimere un certo tipo di fantasie sessuali, di praticare un tipo di sesso ludico e a entrambi va bene così. L’amore nella relazione viene alimentato dalla libertà di non reprimere e poter soddisfare un gioco che non ha nulla a che vedere con la relazione di coppia in sé. 

Per coppia chiusa, sappiamo cosa si intende. 

Sono quelle coppie per cui la fedeltà è un valore fondamentale, ineludibile e incomparabile. La monogamia è la base su cui si inizia una relazione. È la conditio sine qua non. In genere, si tende a sottolineare l’importanza di questo aspetto già dai primissimi appuntamento, in camera da letto ma anche fuori. Le persone fedeli non sono represse. Sono consapevoli che davanti a un tumulto ormonale per via del bonone di turno che ci sorride in palestra o ci manda un “ciao” sui social, si può scegliere se cedere a certi impulsi carnali o spostare l’attenzione sulla persona che stasera ci aspetta a casa per guardare insieme MasterChef sul divano. Se la seconda vale di più della prima — come accade nelle coppie monogame — si torna a casa, si guarda negli occhi l’altro e si capisce di aver fatto la scelta giusta. E si fa l’amore.

Circa la metà delle coppie omosessuali sono chiuse e autenticamente fedeli. Sanno che le tentazioni sono dietro l’angolo ma si impegnano per rispettare e rendere onore al patto di fedeltà stretto all’inizio della relazione. Mantenere fede a quella promessa fortifica il senso di unione, appartenenza e coppia. Ed è bellissimo così. 

Infine esistono le coppie permeabili, ovvero quelle relazioni in cui i due partner fanno sì sesso con terzi, ma solo ed esclusivamente insieme, mai separati. Qui si può parlare di corna quando uno dei due, senza averne prima discusso chiaramente con il partner, fa sesso con altri di nascosto e per i fatti suoi. E no. Non ci siamo. 

Non c’è niente di strano nel sentire attrazione fisica per altre persone al di fuori della coppia. È umano. Succede a tutti, etero e non. Parlarne con il proprio partner significa essere sinceri. Se in una relazione non c’è sincerità, aperta, chiusa o permeabile che sia, non durerà. Non oso immaginare quante coppie starebbero ancora insieme, felici e contente, se fossero state coppie sincere. Invece molto spesso, per paura di offendere l’altro o di fare la figura dei maiali costantemente arrapati, si finisce per nascondere aspetti fondamentali dei propri desideri sessuali mentendo. Mentendo si creano atmosfere sempre più pesanti e asfissianti. E la coppia scoppia.

Il parlar chiaro è fatto per gli amici, si dice dalle mie parti. E io aggiungo che, se hai paura o vergogna di parlare chiaro, non sei fatt* per stare in coppia. Quindi, aspetta, non ti fidanzare. Non sei ancora pront*. Trovati prima degli amici. Amici veri. Se già ce li hai, impara da loro cos’è l’amore e come si ama, poi sì che sarai pront* per una storia seria. 

Alessandro Cozzolino, life coach 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *