fbpx

Transgender day of Remembrance si celebra il 20 novembre: al via la Transgender Awareness Week

Transgender day of Remembrance si celebra il 20 novembre

Il 20 novembre si celebra il TDoR, Transgender day of Remembrance, giornata in cui si commemorano le vittime dell’odio transfobico.

La ricorrenza fu istituita nel 1999 da Gwendolyn Ann Smith in seguito alla scomparsa di Rita Hester, donna transgender afroamericana morta l’anno prima.
Da allora, in centinaia di città, si tengono una serie di eventi come fiaccolate e marce volte a commemorare le vittime di transfobia.
Celebrazioni che servono anche a sensibilizzare le persone nei giorni che precedono il 20 novembre con la Transgender Awareness Week.

Durante la settimana della consapevolezza trans*, infatti, vengono organizzati una serie di eventi e iniziative.
Dalla proiezione di film, alle testimonianze dirette di chi, in prima persona, subisce lo stigma sociale e le discriminazioni.
Senza dimenticare campagne online organizzate dalle associazioni LGBT+.

Nell’Aprile 2009 è patito il progetto Trans Murder Monitoring (TMM) con una collaborazione tra Transgender Europe (TGEU) e la rivista online Liminalis – A Journal for Sex / Gender Emancipation and Resistance.
Tale iniziativa si occupa di monitorare, raccogliere e analizzare le segnalazioni di omicidi di persone trans.

Tra i tristi dati che registriamo nel 2020, con 350 persone morte di transfobia in tutto il mondo, va sottolineato un dato relativo al COVID-19. Non si può non prendere in considerazione, di quanto, seppur l’emergenza sanitaria vada a colpire indistintamente tutte le persone, le differenze sociali e le disuguaglianze vengono fortemente aggravate dalla pandemia.
Questo, nello specifico, ne evidenzia la mancanza di legislazione e protezione per le persone trans.

Il Transgender day of Remembrance è una ricorrenza importante non solo per le persone appartenenti alla comunità LGBT+.
Dobbiamo essere tutte e tutti più consapevoli, solidali e in cammino affinché non vi siano più vittime di transfobia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *