Tik Tok e il coming out (creativo)!

Tik Tok

Sono un miliardo nel mondo gli iscritti all’app cinese Tik Tok, e in Italia, dopo solo un anno dall’arrivo, circa 3 milioni di users.
La sua forza? Il talento e la creatività dei tik tokers!

Scordatevi le liti sterili fra adulti frustrati e i buongiorno coi gattini glitterati di facebook, dimenticate gli esibizionismi gratuiti di instagram con il lusso ostentato di Gianluca Vacchi, la tamarreide dei Ferragnez, le labbra a culo di gallina di vostra cugina e le stelline che escono dagli occhi di Giulia De Lellis, su Tik Tok i protagonisti assoluti sono la creatività e il coraggio di raccontarsi dei giovanissimi (e non solo).

Ma non preoccupatevi! Se appartenete come me alla Bim Bum Bam generation e non volete esibirvi, potete godervi comunque le performance ipnotiche di quest’app unica, da spettatori.

Su Tik Tok troverete video di monologhi ironici incentrati sulla quotidianità dei ragazzi, come quelli di Cecilia Cantarano, assisterete alle esibizioni geniali di Telj, e ancora gag surreali come quelle di Manuel Spadea e di tantissimi altri.

Video divertenti, inaspettati o da infarto, duetti musicali resi semplici da un editing veloce e intuitivo, e non mancano certo le esibizioni di bellissime ragazze e ragazzi supersexy che si mostrano in tutta la loro fisicità.

Tik Tok è oltre la tv, oltre Youtube, oltre Instagram, oltre i talent, oltre il trash: è la democratizzazione della creatività individuale perché tutti possono provare a diventarne protagonisti.
Tik Tok celebra un’estetica e un linguaggio finalmente nuovi; è talmente moderno da essere diventato uno strumento efficace e originale anche per fare coming out!


Esattamente!
Nella privacy apparente della propria cameretta, molti ragazzi raccontano dei bullismi subiti per essere in sovrappeso, per il proprio aspetto, oppure per essere o sembrare gay.
Altri invece esprimono semplicemente sè stessi in modo spensierato o sopra le righe assieme ai propri amici o durante i raduni di piazza che Tik Tok organizza periodicamente tra i tik-tokers e i propri follower

Qui la diversità, l’originalità di ognuno, sono qualità, non “colpe” da deridere

Loro raccontano la propria normalità divertendo, emozionando, permettendo di identificarci o rivederci alla loro età e dando coraggio a chi ne ha bisogno ad esprimere sè stesso liberamente.

Su qualche giornale qualcuno ha già tuonato contro Tik Tok e i rischi possibili.
Forse sono gli stessi che tuonavano contro gli sms alla fine degli anni ’90, contro il tamagochi, contro Sailor Moon che faceva diventare ricchioni e contro ogni cambiamento.

Quindi pazienza se anche Salvini ha scelto di iscriversi su Tik Tok pubblicando, tra l’altro, video davvero orribili. Questo social ha anche aspetti molto positivi.

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *